Una gita in moto


Una gita estiva in moto molto piacevole

Era un po’ che vagavamo con la moto per la costa sarda alla ricerca di un posticino tranquillo per goderci il caldo mare estivo in pace e solitudine. Faceva caldo, ma la fresca brezza che ci accarezzava mentre tranquilli percorrevamo la strada assolata rendeva piacevole la gita. Finalmente, dopo chilometri e chilometri di totale assenza di tracce di vita e di turisti, decidemmo di fermarci. Trovammo infatti una specie di radura che avrebbe riparato la moto dai raggi roventi del sole, e ci levammo quel poco che avevamo addosso, rimanendo in costume: io avevo il mio solito paio di bermuda un po’ castigati, mentre Giulio, fiero di esibire il suo corpo ben modellato (anche se solo io quella volta avrei potuto goderne della vista), indossava un perizoma nero che metteva in evidenza tutte le sue forme, anche quelle più nascoste.

In un batter d’occhio fummo in spiaggia, a godere dei caldi raggi del sole e della frescura del mare trasparente e calmo. Io non potevo fare a meno di guardare il suo costume che sembrava di qualche misura più piccola, visto che pareva trattenere a stento al suo interno quello che doveva essere davvero un splendido esemplare d’uccello. Lo sbirciavo mentre usciva dall’acqua, quando il costume bagnato aderiva alla pelle ed esaltava ancora di più il suo contenuto, o stando sdraiato a prendere il sole, facendo finta di tenere gli occhi chiusi, e ammirando la montagna che svettava fra le gambe di lui che si godeva la tintarella supino.
A forza di guardare il suo corpo e di sbirciare il vistoso pacco, la mia mente aveva cominciato a galoppare, e mi stavo eccitando. Per fortuna avevo messo i miei castigati bermuda! Passai praticamente la mattina cercando sotterfugi ed inventando stratagemmi per poterlo guardare meglio ed immaginando cosa quel perizoma potesse nascondere.

Quando il sole era ormai a picco decidemmo di prenderci una pausa dalla calura e di andare in mezzo alla vegetazione dove avevamo parcheggiato la moto a consumare la colazione al sacco che ci eravamo portati dietro. La radura era così fitta che riparava egregiamente dal caldo e dallo sguardo di chiunque fosse mai capitato da quelle parti, dandoci protezione e refrigerio. Mangiammo un po’ di frutta e ci dissetammo seduti su un’ampia tovaglia, chiacchierando del più e del meno, e dicendoci contenti di aver trovato quel posto.

“E’ davvero tranquillo”, disse lui. “Il posto ideale per portarci una ragazza per farci di tutto al riparo di sguardi indiscreti”. “Hai proprio ragione”, risposi un po’ scherzando, “è davvero perfetto! Ma, spiacente per te, questa volta dovrai accontentarti della mia compagnia”.

 

“Mi accontenterei volentieri, se solo tu ne avessi voglia!”, disse lui ammiccando. Rimasi sorpreso, e pieno di voglia e di speranza al tempo stesso. “Accidenti, se proprio in crisi d'astinenza, eh?” dissi buttandola sullo scherzo.“E dai", disse lui, “sarebbe davvero un peccato sprecare un così bel posto non credi? E sì, hai proprio ragione, io ho davvero una tale voglia di scopare!” Mentre parlava io non potei fare a meno di notare che il suo perizoma si gonfiava rapidamente, e non riusciva praticamente più a contenere al suo interno l’uccello che andava risvegliandosi. “Ad essere sincero” dissi io, “è tutta la mattina che ti guardo e che ti immagino nudo... Mi hai fatto venire certe voglie...” “Allora è l’occasione giusta per divertirci davvero!” disse lui raggiante, “Ma ti avviso che a me le ragazze piacciono molto porche!”, aggiunse alzandosi in piedi ed avvicinandosi a me.

Il suo uccello barzotto aveva ormai fatto capolino fuori dal ridotto costume, ed aveva ipnotizzato il mio sguardo: lo osservavo oscillare a mezz’asta mentre lui lentamente si avvicinava. Appena mi fu davanti infilai le mani nel costume e glielo tirai giù lentamente, accarezzandogli le cosce e le gambe. Liberai così il suo uccello da quello stretto rifugio, e mentre gli sfilavo il costume lo guardavo pieno di voglia danzare a pochi centimetri dal mio viso, mentre lentamente andava indurendosi: pur se ancora mezzo moscio era davvero grosso, forse anche più di quanto io avessi fantasticato tutta la mattina. In preda alla voglia più sfrenata lo afferrai con una mano iniziando a menarlo dolcemente, mentre con l’altra mano gli accarezzavo lo scroto. Avevo le mani piene dell’oggetto dei miei sogni perversi, e già morivo dalla voglia di essere usato per soddisfare ogni suo desiderio di maschio in calore. A lui le ragazze piacevano porche? Io sentivo dentro di me bruciare la voglia di essere per lui la più porca di tutte!

“E’ davvero splendido” dissi con un filo di voce, mentre sentivo il suo uccello crescere lentamente fra le mie mani. “Sono felice che ti piaccia” disse lui, “perché ho davvero una gran voglia di fotterti!” “E io ho una gran voglia di essere la tua puttana”, dissi guardandolo voglioso e cominciando a baciargli la grossa cappella, mentre le mie mani frementi continuavano ad accarezzargli ed a stringergli l’uccello. Iniziai così un delicato ed accurato lavoro di lingua e di labbra, leccando e baciando con voluttà dapprima il glande e poi tutto l’interminabile tronco di quello splendido cazzo, giù giù fino ad arrivare ai coglioni che feci sobbalzare voluttuosamente a colpi di lingua, per poi risalire di nuovo lungo l’uccello per tornare a sfiorare con le labbra la cappella ormai in tiro. Il suo enorme cazzo era ora al pieno della sua erezione, con i suoi oltre venti centimetri di carne calda e prelibata davanti a me, nelle mie mani che tremanti e vogliose ne saggiavano le dimensioni e la rigidità.

Man mano che dentro di me cresceva inarrestabile il perverso desiderio di prendere nel culo quel cazzo da vero stallone di razza, le attenzioni che con le labbra e la lingua gli dedicavo facevano sempre di più trasparire la mia voglia, che il meraviglioso sapore dell’uccello nella mia bocca contribuiva a far aumentare a dismisura. Avevo preso a succhiarlo con foga ed impegno, anche se certo riuscivo a prenderne in bocca soltanto una parte, ed ogni tanto interrompevo il pompino passandomi voglioso quello splendido uccello sul viso e sul collo, godendo nel sentirne la pelle di seta accarezzarmi.

“Brava porcellina”, mi disse lui con una voce da cui traspariva chiaramente il godimento che le mie attenzioni gli procuravano. “Leccalo tutto, lubrificalo per bene... Riempilo di saliva, ché fra poco ti sfondo il culo!”. “Non vedo l’ora...” risposi io pieno di voglia, guardandolo dal basso con il suo cazzone stretto fra le mani. Ripresi a spompinarlo con cura, roteando la lingua sulla cappella che faceva ritmicamente avanti e indietro fra le labbra. Più volte interruppi il pompino per depositare sulla cappella della saliva, che poi con le mani spalmavo su tutto il cazzo. Ora il suo meraviglioso cazzone era splendidamente pronto per la monta, e la vista di quel tronco di carne duro, venoso e lucido di saliva mi ipnotizzò a tal punto che rimasi alcuni secondi ad ammirarlo estasiato.

“Me l’hai fatto diventare di marmo... Hai fatto davvero uno splendido lavoro”, disse lui risvegliandomi all’improvviso dal trance. “Ora è arrivato il momento di goderne i frutti... Mettiti a pecora!”. Eseguii il suo ordine in un attimo, sfilandomi i bermuda e mettendomi a pecora sulla tovaglia, sporgendo il culo all’indietro verso di lui, che ancora in piedi mi guardava. Mi inumidii due dita e me le infilai nel culo per lubrificare il buchetto e per mostrargli la strada da seguire. Invece di essere impaurito dalle dimensioni del suo uccello, ero eccitatissimo al pensiero di prendere quel grosso pezzo di carne nel culo, e non vedevo l’ora che lui mi sfondasse per farmi sentire la più grande troia del mondo. “Ti prego inculami” dissi voglioso “Dammi il tuo cazzone, sto morendo dalla voglia!”.

Lui si inginocchiò dietro di me e mi schiaffeggiò più volte i glutei con l’uccello, con il risultato di far crescere ancora di più la mia voglia di cazzo. Spinsi all’indietro il culo per cercare istintivamente il suo grosso cazzo in preda ad una spasmodica voglia di essere finalmente sfondato. Lui mi afferrò per un fianco con una mano, mentre con l’altra appoggiò la cappella al centro delle mie chiappe, iniziando lentamente a spingere. Spinse il cazzo fino a far leggermente allargare il mio sfintere e poi lo tirò indietro. Ripeté l’operazione diverse volte, e ogni volta spingeva il cazzo più a fondo, e ogni volta il mio buchetto si apriva un po’ di più per accogliere il suo pisellone. Lo sentivo sempre più rilassato, ed ogni volta che lui spingeva lo sentivo aprirsi sempre di più per adattarsi alle grosse dimensioni del suo cazzone.

Mi infilò e sfilò più volte dal culo la sua grossa cappella finché non decise che il mio ano era ormai pronto a prendere tutto il suo enorme tronco. Alla successiva spinta sentii che il mio culo si era ormai completamente spalancato, ed ancora una volta la sua cappellona era entrata dentro di me. Ma questa volta non si fermò. Continuò a penetrarmi lentamente, spingendomi nel culo centimetro dopo centimetro il suo grosso cazzo, facendomi quasi mancare il respiro. Nonostante tutta la preparazione, quell’uccello era così grosso che mi sentii completamente sfondare: non sentivo dolore, ma sentivo il buco del mio culo aperto all’inverosimile per accogliere quell’enorme cetriolone di carne e mi sembrava quasi fosse ancora più grosso di quanto non fosse realmente, dato che lui continuava ancora a spingerlo lentamente dentro di me, dandomi l’impressione che non finisse mai.

Era una sensazione indescrivibile e perversa, che diventò ancora più intensa quando lui, una volta infilatomi più a fondo che poté il cazzo nel culo, serrandomi per i fianchi cominciò davvero a scoparmi. Muoveva il suo grosso uccello lentamente avanti e indietro allargandomi sempre di più il buco del culo che ad ogni affondo lo accoglieva con sempre maggiore facilità. E più il suo cazzo affondava con facilità, più lui aumentava il ritmo della scopata, facendo aumentare di conseguenza il mio godimento.

“Hai davvero un bel culetto” disse lui ansimando, “Sembra fatto apposta per il mio cazzo!”. “E’ tutto per te, per il tuo splendido cazzone!” dissi io con un filo di voce, “Dammelo tutto, lo voglio tutto nel culo!”. “Ti accontento volentieri, puttanella”, disse lui allora, aumentando man mano il ritmo dell’inculata. Ad ogni suo affondo mi sentivo sempre più troia e con sempre maggiore voglia di cazzo, incontenibile e prepotente, mentre lui evidentemente sempre più infoiato ansimava sempre più forte fottendomi nel culo come un vero stallone da monta. Il suo cazzone mi scorreva nel culo duro come il marmo sempre più veloce e con colpi sempre più profondi, e lui mi fotteva ormai con foga gustandosi il mio culo come se stesse inculando la più splendida delle troie. La sua eccitazione crebbe a dismisura, e mentre io lo incitavo a fottermi, a scoparmi, a sfondarmi il culo, lui ben presto arrivò all’orgasmo.

Sentii il suo uccellone gonfiarsi ed indurirsi fino allo spasimo, e caldi schizzi inondarmi all’improvviso il retto. Dava forti spinte infilandomi per bene a fondo nel culo il suo uccello, e ad ogni affondo lo sentivo pulsare e schizzare caldo sperma nel mio retto. Per cinque o sei volte mi pisciò nel culo i suoi fiotti bollenti e dopo alcuni secondi in cui tenne ben piantato nel mio culo il suo grosso cazzo riprese lentamente a scoparmi. Il suo cazzo era rimasto grosso e duro nonostante la sborrata, segno evidente che la sua voglia di incularmi per mia fortuna non era ancora passata.

“Adoro il tuo cazzone” ansimai “Mi piace da impazzire! Non smettere ti prego! Dai stallone, scopa ancora la tua troia!” “Ti piace, eh?” disse lui voglioso, “Non preoccuparti troia, ce n’è ancora tanto, sai?”. “Mi piace, mi piace!” rantolai in preda alla voglia più sfrenata “Lo amo, sono la sua schiava! Dammelo ancora, ancora!”. Il suo uccello riprese il godurioso avanti e indietro nel mio culo con foga e passione, scorrendo ancora più facilmente nel retto ormai lubrificato anche dal meraviglioso clistere di sborra che mi aveva fatto. All’improvviso sentii il culo svuotarsi: aveva tirato fuori il suo cazzone, e si godeva la vista del mio culo spalancato davanti a lui, completamente ed oscenamente sfondato. Mi infilò di nuovo nel culo l’uccello, per poi estrarlo subito dopo. Si divertì più volte a farmi solo assaggiare il suo splendido cazzo, con un dentro e fuori eccitantissimo, per poi ripiantarmelo tutto nel culo, ricominciando a scoparmi con foga.

Dopo alcuni minuti mi sfilò ancora il cazzo dal culo per cambiare posizione, e si sdraiò sulla tovaglia, tenendo il suo enorme cazzo puntato verso l’alto. “Vieni qui e impalati sul mio cazzo”, mi ordinò, “Fammi vedere quanto sei troia e quanto ti piace prenderlo nel culo”. Non me lo feci certo ripetere: mi misi in piedi dandogli le spalle, piegai le gambe e mi abbassai finché il suo cazzone non fu a portata del mio culo. Abbassai ancora il bacino mentre lui teneva il suo cannone di carne puntato sul buco del mio culo, finché non sentii la cappella bollente sull’ano. Mi lasciai andare lentamente, sostenendomi con le mani sulle sue gambe, impalandomi voglioso sul suo grosso pisello che mi penetrò facilmente nel retto. Mi puntellai allora all’indietro con le mani ed iniziai a cavalcare il mio stallone: cominciai il mio su e giù sul suo cazzone dapprima lentamente, ma ben presto iniziai una furiosa danza. “Brava troia, ballami sul cazzo!” mi incitava lui, “Fammi godere, puttana, fammi godere!”. Mi muovevo su e giù sul suo uccellone con foga, sentendolo sempre grosso e duro, godendomelo come una troia affamata di cazzo, accogliendolo nel mio culo mai sazio di carne dura. Ma evidentemente il mio ritmo non lo soddisfaceva completamente visto che dopo alcuni minuti in cui mi lasciò godere a mio piacimento del suo tronco di carne, volle ancora cambiare posizione, per riprendere il controllo della situazione.

Mi fece mettere in piedi, piegato in avanti appoggiato alla moto, e mi fece sollevare una gamba appoggiandola alla moto. Mi piantò ancora il cazzo nel culo, iniziando a scoparmi con foga, facendo sobbalzare ad ogni affondo tutto il mio corpo: mi fotteva come un vero toro da monta in calore, dando spinte forti e profonde che mi toglievano il fiato. “Prendi troia, prendilo tutto!” rantolava in preda alla foga, “Voglio sfondarti il culo, puttana!”. E mentre lui mi scopava io lo incitavo a darmene ancora: “Dai stallone, sfondami! Così, così!” urlavo in preda all’estasi di quella meravigliosa scopata estiva in un posto solitario ed incontaminato. “Sei fantastico, fantastico! Che cazzo meraviglioso! Dai, dai, sbattimi più forte!”. Potevo gridare tutta la mia gioia ed il mio godimento di prendere in culo quel meraviglioso esemplare di cazzo senza paura, incitando il mio stallone a darmene ancora e ancora. E lui mi inculò a lungo, fottendomi con il suo meraviglioso arnese facendomi mugolare come una cagna in calore, finché non arrivò ancora al culmine del piacere.

Mi sfilò dal culo il suo enorme uccello e fece un passo indietro: “Vieni qui, puttana!” mi ordinò, “Inginocchiati davanti a me... Voglio riempirti di sborra adesso!”. Io mi inginocchiai davanti a lui, voglioso e speranzoso, non vedendo l’ora di ricevere su di me il suo caldo nettare. Gli accarezzavo le gambe ed i glutei ben torniti mentre lui si menava il grosso cazzo, la cui cappella purpurea per la lunga inculata era gonfia e lucida, dando l’impressione di esplodere da un momento all’altro. Stavo morendo dalla voglia, e la vista del quel magnifico uccello grosso, con le vene gonfie, duro, teso allo spasimo, e pronto a schizzarmi addosso il suo caldo nettare mi eccitava da morire. Aprii la bocca avvicinandola alla grossa cappella, cercando di lambirla con la lingua mentre lui si menava il cazzo all’impazzata, subito un attimo prima che la sborra cominciasse a sgorgare copiosa.

Il primo schizzo, denso, copioso, mi raggiunse sulla lingua e sulle labbra, seguito da altri che mi inondarono il viso. Il suo uccello schizzava i suoi lunghi fiotti di sperma come impazzito, ed io cercavo di raccoglierli facendomi inondare la bocca per gustarne il più possibile. Gustavo l’intenso sapore dello sperma mentre altri fiotti roventi continuavano a sgorgare da quella grossa fontana del piacere, soddisfacendo la mia sete di sborra. Mi fece una meravigliosa doccia di sperma bollente, schizzandomi addosso una decina di abbondanti fiotti caldi e densi. Finalmente lui smise di menarsi l’uccello ed io potei prenderlo vogliosamente in bocca, iniziando a succhiare con foga per assaporare fino all’ultima goccia di sborra, mentre con le mani ero io adesso a menarlo e ad accarezzarlo fremente, sentendolo ancora pulsare per l’orgasmo prepotente che lo aveva colto.

Mi lasciò fare per un po’, riprendendo fiato e facendosi coccolare e slinguare per bene l’uccello, finché carezzandomi la testa mi disse: “Sapevo che ci saremmo divertiti! Sei davvero una gran troia!”. “Con un meraviglioso cazzo come il tuo a disposizione, essere una troia è un vero piacere!”, gli dissi baciandogli affettuosamente l’uccello. “Quando vorrai scoparmi, sarò sempre pronto per te... Farò tutto quello che desideri, sarò la schiava del tuo cazzo!”. “Il mio cazzo sarà sempre felice di sfondarti il culo e la bocca... Sarà davvero una splendida vacanza!” Passammo il pomeriggio sdraiati in spiaggia, a riposarci e a riprenderci dall’animalesca scopata. Tornando verso casa, in moto, io mi reggevo a lui soddisfatto della splendida giornata. Mentre lui guidava la mia mano scivolò verso il basso ad accarezzargli lo strumento di piacere fra le sua gambe, e fui felice di sentirlo reagire alle carezze. Per tutto il viaggio gli sarei rimasto aggrappato, sicuro che sarebbe stata una notte di lungo piacere...

233 Visualizzazioni

Leggi di più..