La Scommessa

Alle volte perdere può essere piacevole

Non era stata una bella serata. Avevamo perso il derby per un colpo di sfortuna, e io avevo perso la mia scommessa con Marco. Mentre tornavo a casa in quella calda serata primaverile, deluso pensavo a quale diavoleria avrebbe inventato come pegno da pagare. Era stata una scommessa nata per gioco, senza una vera posta in palio, della serie ‘scommetto quello che vuoi’, tra risate, scherzi e qualche sfottò.

La sera dopo andai a casa sua, un po’ in apprensione per quello che mi aspettava. Marco mi fece accomodare, mi offrì da bere e facemmo quattro chiacchiere. Io ero un po’ nervoso, e notavo che lui aveva uno strano sorrisetto mentre, in maglietta e pantaloncini, sorseggiava la sua birra. “Allora,” disse ad un tratto, “sei pronto a pagare la scommessa?”. “Beh, sì” dissi io un po’ titubante, “una scommessa è una scommessa”. “Bene”, disse con un sorriso malizioso, “allora vieni con me”. Lo seguii sempre più dubbioso fino al bagno della sua piccola casa. Pensai ad un certo punto volesse farmi pagare la scommessa facendomi fare una doccia vestito, ma lui mi fece subito capire che mi sbagliavo.

“Spogliati” mi disse infatti. Mi sfilai la maglietta, i pantaloncini, le scarpe.

 

“Devi levarti tutto” disse lui “altrimenti la cosa non viene bene. Non ti vergognerai di un altro maschio?!” disse quasi ridendo. “No, no…” risposi io sempre più interdetto e sfilandomi tutto di dosso. “Adesso entra nella doccia e mettiti in ginocchio” disse Marco. “Vedrai, sarà divertente!”, aggiunse. ‘Per chi? Per me o per te?’ pensai io mentre completamente nudo mi inginocchiavo nella doccia. Ora ero lì, ed aspettavo la strana penitenza che Marco aveva deciso di farmi fare, aspettavo di capire quale strano rituale avesse in mente per me.
“Perfetto” disse avvicinandosi un po’ al box della doccia. “Sai, è tutto il giorno che non faccio altro che bere per festeggiare e per combattere questo caldo.” Mentre parlava, notai che i suoi pantaloncini erano leggermente gonfi. Magie di un derby vinto pensai. “Avrò bevuto almeno tre o quattro litri tra acqua, tè, succhi di frutta e birra” continuò, mentre lo vedevo davanti a me che si abbassava i pantaloncini, tirando fuori un uccello che, se pure moscio, aveva dimensioni ragguardevoli. “E allora mi sono detto: quale modo migliore di festeggiare…” disse ancora, mentre gli guardavo il cazzo come fosse stato tutto un sogno, “…che fare un bel brindisi alla faccia tua? Anzi, sulla tua faccia!”. Capii cosa voleva fare proprio mentre vidi sgorgare dalla punta del suo uccello un violento fiotto di piscio che mi inondò la faccia.

La sensazione che quel primo schizzo, violento e bollente, mi procurò, fu di una strana ed intensa eccitazione. Il liquido caldo mi colava dal viso sul corpo, e le gocce profumate scorrevano sulla mia pelle lentamente, mentre sentivo sulle labbra l’aspro sapore dell’urina. Lo schizzò cessò dopo pochi istanti, all’improvviso, così come era cominciato. Vidi Marco ridere, ma il suo riso placò e si trasformò in un sorrisetto ancora più malizioso quando vide che io, invece di ribellarmi, mi stavo leccando le labbra e gli stavo guardando il cazzo pieno di voglia.

Senza dire nulla puntò di nuovo il suo idrante verso di me, un idrante che invece che spegnere il fuoco col suo liquido era capace di alimentarlo, fino a farlo diventare un vero incendio di eccitamento e perversione. Il secondo getto non mi colse impreparato: fu violento come il primo, a testimoniare il fatto che il carico di piscio che Marco aveva preparato per me era davvero abbondante, e colpì la mia lingua protesa alla ricerca del liquido dorato. Marco diresse il getto prima sulla mia lingua e poi verso la bocca, riempiendomela rapidamente di piscio bollente. Io la chiusi facendolo traboccare e colare sul mento e poi sul corpo, mentre anche il secondo colpo si esauriva sulle mie labbra. “Ma allora ti piace proprio brindare col mio piscio, eh?” disse con tono eccitato dalla piacevole sorpresa. “Mmmmmmmm… è davvero fantastico” dissi io guardandolo dopo aver ancora assaporato le calde stille che mi aveva lasciato sulle labbra. “Spero tu ne abbia ancora tanta… E’ una doccia davvero eccitante…” lo stuzzicai. “Non preoccuparti” disse lui “Ti faccio annegare nel piscio…” aggiunse un attimo prima che dal suo uccello ricominciasse a sgorgare il liquido dorato. Mentre mi riempiva di piscio bollente, muoveva il suo cazzo con abilità, dirigendo il getto con precisione prima sul mio viso, poi sul corpo, bagnando ogni centimetro della mia pelle. Mi pisciò ininterrottamente addosso per una quindicina di secondi. Sentivo il liquido caldo bagnarmi la pelle, inondarmi il viso, e riempirmi la bocca, mentre qualche goccia mi scendeva nella gola ad aumentare la mia sete di piscio invece che a placarla.

Anche la terza ondata si placò, e mentre io mi spalmavo sul corpo il nettare dorato, Marco lentamente si avvicinò a me, col cazzo che visibilmente gli si era indurito. Era evidente che la cosa era andato oltre le sue previsioni, e l’eccitazione era talmente cresciuta anche in lui che il suo uccello aveva bisogno di cure urgenti. Non credo che fosse richiesto dal pegno per la scommessa persa, ma quando il suo cazzo fu a portata di labbra lo presi in bocca iniziando a succhiarlo avidamente. Mentre lo ripulivo con cura lo guardai dal basso e lo vidi con un’espressione soddisfatta che mi guardava mente lo spompinavo. “Guarda che però non è mica finita qui” disse lui voglioso. Mi preparai allora ad un’altra ondata, e un attimo dopo Marco iniziò a pisciarmi in bocca. Rapidamente mi riempì la bocca di piscio, ed io mossi la testa all’indietro allontanandomi dal suo cazzo, mentre il liquido bollente traboccava dalle mie labbra. Prontamente Marco afferrò il suo cazzo dirigendo ancora sapientemente il getto dipingendo sul mio corpo eccitanti ghirigori di piscio profumato, che io spalmai sul mio corpo fremente dall’eccitamento, accarezzandolo e bagnandone ogni parte, fino ad arrivare con le dita a stuzzicare il mio buchetto che ardeva ormai dal desiderio di essere sfondato.

Marco, dopo avermi scaricato addosso l’ennesimo gesto di piscio, spinse il bacino in avanti, puntando con decisione il suo grosso cazzo verso la mia bocca. Io la aprii lasciando penetrare fra le mie labbra vogliose il suo cazzo ormai duro come il marmo. Iniziai a spompinarlo con passione, succhiando con forza per gustare le gocce dorate che ancora aveva in serbo per me. Gli accarezzavo i coglioni gonfi mentre le mie labbra scorrevano sulla pelle di seta del suo uccello in piena erezione e la mia lingua stuzzicava la grossa cappella che mi esplorava la bocca. Mi mise le mani dietro la testa ed iniziò a muovere il bacino, scopandomi in bocca con evidente soddisfazione testimoniata sia dalle dimensioni e dalla durezza sempre maggiori del suo splendido cazzo, che dal suo respiro che si era fatto più affannoso.

Dopo avermi affondato due o tre colpi più veloci in fondo alla gola, mi sfilò all’improvviso il cazzo dalla bocca e, tenendomi sempre la testa con le mani, mosse il bacino a destra e a sinistra in modo da schiaffeggiarmi il viso con la carne bollente del suo uccello. Dopo avermi più volte colpito mentre io a bocca aperta cercavo di cogliere l’attimo in cui mi passava sulle labbra, Marco mi lasciò la testa e rimase immobile davanti a me. Il suo splendido pisellone era davanti al mio viso, a pochi centimetri dalla mia bocca, lucido e bagnato ad offrire uno spettacolo arrapantissimo. “Bene,” disse lui con voce piena di eccitazione, “visto che in questo derby ve l’abbiamo messo nel culo, credo che per te non ci sia miglior modo per pagare la scommessa che farti inculare!”. “Quel che è giusto è giusto…” risposi io felice di poter pagare il mio pegno in quel modo godurioso, “Dopotutto, avete avuto culo ieri durante la partita, è giusto che tu abbia culo anche stasera… il mio culo!”.

Mi misi quindi rapidamente a pecora, offrendo a Marco il mio culo spalancato perché lo riempisse con la sua grossa mazza. Mi passavo una mano tra le natiche, stuzzicandomi il buco del culo per mostrargli tutta la mia voglia. “Dai, cosa aspetti” gli dissi guardandolo mentre gli mostravo la strada, “Le scommesse vanno pagate fino in fondo no? E allora inculami dai… dammelo fino in fondo…” aggiunsi voglioso. Vidi Marco guardarmi fra le chiappe, dove il mio buchetto voglioso smaniava di essere aperto a dovere dal suo grosso chiavistello di carne.

Si inginocchiò dietro di me, con una mano mi afferrò saldamente un gluteo e con l’altra mi puntò il suo uccello al centro del mio pozzo della lussuria. Sentii la cappella appoggiarsi all’ano ed iniziare a spingere lentamente fino a vincerne la resistenza e penetrarmi nel retto. Marco restò alcuni istanti immobile e subito dopo mi sfilò dal culo la punta del cazzo, per poi infilarmela ancora, sempre lentamente, ma questa volta qualche centimetro più a fondo. Iniziai ad ansimare e a mugolare, mentre lui ripeteva ancora e ancora l’operazione, ogni volta affondandomi sempre più nel culo il suo grosso banano.

L’ultima spinta fu la più decisa, quella con cui mi piantò nel culo il suo cazzone fino alla radice, strappandomi un rantolo di godimento. “E’ davvero un piacere fare scommesse con te… “ disse ansimando per l’eccitazione. “E per me è un vero piacere perderle…” risposi io pieno di voglia, “se il pegno da pagare sarà sempre questo”. “La scommessa l’hai persa, ma hai vinto un bel trofeo per il tuo culo da troia”, disse Marco iniziando a pomparmi nel culo col suo cazzo durissimo. Iniziò a fottermi eccitatissimo, prendendomi per le spalle e facendomi inarcare la schiena: in questo modo il mio culo si spalancava davanti a lui in modo che mi potesse sbattere con più facilità. Io mugolavo di piacere, incitandolo a incularmi con più forza. “Così, così, dai…” lo spronavo, “Spaccami il culo, sfondamelo tutto”. Marco era ormai infoiatissimo e mi spaccava il culo dando colpi profondi e violenti che mi facevano sobbalzare tutto il corpo: era lui che, tenendomi per le spalle, faceva sì che per le forti spinte il mio corpo invece di essere proiettato in avanti andasse incontro al suo, facendo in modo che ad ogni spinta il suo enorme trapano di carne mi affondasse nel culo fino ai coglioni, dandomi la sensazione che mi arrivasse in gola da un momento all’altro.

All’improvviso sentii che Marco sfilava rapidamente il cazzo dal mio culo, che rimase spalancato essendosi ormai adattato alle dimensioni notevoli del godurioso ospite. Un attimo dopo me lo ripiantò tutto nel culo con un’unica spinta, veloce e profonda, per poi estrarlo ancora, e ancora ripiantarmelo durissimo fra le chiappe. Ruotai le spalle afferrandomi un gluteo e tenendolo allargato, mentre lo guardavo in estasi sfilare ancora il suo uccello dall’accogliente nido.

Rimase a guardare il mio buco che era ormai oscenamente sfondato davanti a lui. “Ragazzi che meraviglia…” sussurrò. “Ti piace? E allora cosa aspetti?” mugolai io, “Prendilo… è tutto per te! Dammi ancora cazzo…” aggiunsi in preda a una spasmodica voglia di essere ancora inculato a dovere. Marco mi afferrò saldamente i glutei e li spalancò ancora di più davanti a sé, facendomi sentire che il buco del mio culo era ormai davvero capace di accogliere il suo enorme cazzo con facilità degna di una troia navigata. Tenendomi allargate le chiappe e movendo il bacino fece sì che la cappella infuocata si appoggiasse ancora al mio ano, e con un colpo secco me lo piantò ancora una volta a fondo nel retto, ricominciando subito dopo a fottermi come un vero stallone in calore. “Prendi puttana!” rantolava mentre mi sfondava, “Prendilo tutto nel culo! Te lo spacco questo culetto da troia!”. E io come una troia mugolavo di piacere ad ogni affondo del suo cazzo nel mio culo, continuando ad incitarlo a sbattermi come una vera troia deve essere sbattuta. “Dai stallone, dai… Così…!” lo spronavo, “Inculami… sfondami… riempimi di cazzo!”

Marco mi inculò con passione per diversi minuti, e io sentivo le sue mani stringere forte li miei glutei mentre il suo grosso cazzo mi scorreva nel retto veloce e con facilità. Poi me lo spinse dentro fino ai coglioni, iniziando a ruotare il bacino come per assestarlo per bene dentro di me. Lo sentivo durissimo riempirmi meravigliosamente il culo, quando d’un tratto Marco me lo sfilò ancora rapidamente lasciando un vuoto che io volevo fosse riempito in fretta. Si sdraiò sul pavimento del bagno, col cazzo grosso, duro e lucido che svettava come una torre sul suo corpo. “Vieni qui adesso.” mi ordinò “Siediti sul mio cazzo e impalati. Fammi vedere quanto sei troia!”. Io mi alzai in piedi pieno di voglia e con lo sguardo catturato dal nodoso randello che Marco teneva dritto con una mano come un missile che di lì a poco sarebbe partito con destinazione il mio culo. Era davvero splendido: lo guardavo pulsare al massimo dell’erezione, ricoperto di vene che gli davano un aspetto ancora più eccitante, e sormontato da una cappella davvero grossa e turgida. Mi ritrovai a chiedermi come avesse fatto quell’arnese così grosso a entrarmi nel culo, e come fosse possibile che fosse riuscito ad aprirmelo così bene da scorrere veloce e a fondo come un pistone nel suo cilindro. Eppure, di lì a qualche secondo sarebbe ancora una volta affondato nel mio culo fino alla radice. Mi avvicinai a lui, sovrastandolo e dandogli le spalle; poi piegai le gambe fino a che il mio culo non fu a portata del suo uccello. Marco lo puntò dritto sul mio buchetto fremente, ed io sentii la grossa cappella appoggiarsi all’ano. Mi impalai sul suo grosso cetriolo di carne facendomelo sparire nel culo in un attimo, poi mi sistemai meglio appoggiando le mani all’indietro e spostando leggermente i piedi in avanti per potermi meglio sostenere e poter cavalcare agevolmente il mio stallone.

Iniziai a muovermi su e giù su quel meraviglioso pezzo di carne, dapprima lentamente, due o tre volte, per riprendere confidenza con il grosso ospite, ancora una volta piacevolmente meravigliato che il mio culo lo accogliesse con naturalezza. Marco sembrò leggermi nel pensiero. “Bravo, così… muoviti sul mio cazzo.” ansimò, “Hai un culo fantastico… sembra fatto apposta per il mio uccello”. Iniziai quindi ad accelerare il ritmo, godendomi il suo splendido attrezzo che mi trapanava il culo, muovendo il bacino su e giù ad un ritmo indiavolato, tanto che ad un certo punto quasi saltavo, lasciandomi cadere con forza su di lui, finché ad un certo punto non mi abbandonai completamente impalandomi con un colpo più energico degli altri, rimanendo ansimante col suo cazzo piantato durissimo nel culo fino alla radice. Marco allora sollevò il bacino per spingermi ancora più a fondo nel retto il suo trapano di carne, facendolo poi anche roteare per assestarsi meglio.

Poi si abbassò e mi fece alzare, per poi farmi ancora mettere in ginocchio nella doccia. “Sei davvero una troia fantastica” disse pieno di voglia, mettendosi di nuovo in piedi davanti a me, offrendomi ancora il suo cazzo. “Ti meriti un bel premio per gli sforzi fatti…” aggiunse poi. Io allungai la mano ed iniziai a massaggiargli i coglioni, mentre lui si menava il cazzo davanti al mio viso. “Li senti come sono pieni? E’ tutto merito tuo… lì dentro c’è il tuo premio” disse. “E allora dammelo, cosa aspetti?” gli dissi guardandolo dal basso, con la voce piena di voglia. Marco, ansimando ormai prossimo all’orgasmo, si menava furiosamente l’uccello, ed io lo vedevo davanti a me con la grossa cappella gonfia allo spasimo, pronta ad esplodermi in faccia tutto il suo godimento.

Vidi il grosso cazzo irrigidirsi mentre Marco lo stringeva forte, ed un istante dopo il primo schizzo bollente di sperma sgorgare violentemente dallo spacchetto dalla cappella colpendomi il viso, bagnandomi le labbra e la lingua protesa. Al primo fiotto ne seguirono altri, densi, abbondanti e profumati, che mi impiastricciarono il viso e mi riempirono la bocca di calda sborra, che io assaporai come fosse stato un prezioso nettare. Rantolando in preda all’orgasmo, Marco mi schizzò in faccia un’abbondantissima quantità di sperma, spalmandomela poi sul viso usando la grossa cappella, passandomela sulle guance e sulle labbra. Io la presi in bocca, succhiandola e ripulendola con cura, gustando il frutto libidinoso di quella scopata. “Mmmmm… la scommessa non poteva andare meglio di così” disse una volta che ebbe ripreso fiato. “Oh sì” risposi io leccandomi le dita mentre lui ancora si massaggiava lentamente il cazzo “Anzi, quasi quasi scommetto che lo scudetto quest’anno lo vincerà la Nocerina!”. “Non è nemmeno in Serie B!” rispose Marco con la voce roca, un attimo prima che dal suo cazzo sgorgasse un ultimo, lungo, intenso, profumatissimo getto di piscio bollente.

44 Visualizzazioni

Leggi di più..